DE ROME À PARIS –  RENCONTRES DU CINÉMA ITALIEN

12e EDIZIONE / 13 – 17 DICEMBRE / CINÉMA L’ARLEQUIN

Il festival DE ROME À PARIS è uno degli eventi imperdibili del cinema italiano in Francia. Ogni anno un numero sempre maggiore di spettatori viene a scoprire una selezione di una decina di film italiani ancora inediti in Francia. I film sono presentati in presenza dei registi e degli attori venuti ad incontrare il pubblico.

Anche quest’anno, il festival si terrà al Cinéma L’Arlequin, nel 6 ° arrondissement di Parigi.

DE ROME À PARIS è sostenuto da MIBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) e organizzato da ANICA (Associazione nazionale delle industrie cinematografiche audiovisive e multimediali) in collaborazione con ICE- AGENZIA (Istituto Italiano del Commercio), L’AMBASCIATA ITALIANA, ISTITUTO LUCE CINECITTÀ e UNEFA (Unione degli esportatori).

COMITATO DI SELEZIONE

I film sono stati selezionati da un comitato di professionisti del cinema francese:

VIVIANA ANDRIANI, vive a Parigi dal 1995, dove ha creato la società RENDEZ-VOUS, che offre servizi di ufficio stampa per i film francesi e per il lancio di film ai principali festival (Cannes, Berlino, Venezia). Per la stampa internazionale, ha accompagnato molti film di registi francesi tra i quali Robin Campillo, Laurent Cantet, Philippe Garrel, Céline Sciamma, Raoul Peck, Xavier Giannoli, Pascale Ferran, Bertrand Bonello, Mathieu Amalric, Valeria Bruni Tedeschi, e anche grandi registi stranieri come Laszlo Nemes, Jafar Panahi, Kléber Mendonça Frederick Wiseman, Naomi Kawase, Wang Bing, Roy Andersson. Inoltre, ha contribuito a far conoscere registi italiani emergenti come Gianfranco Rosi, Michelangelo Frammartino, Fabio Grassadonia & Antonio Piazza, Roberto Minervini, Pietro Marcello, Vincenzo Marra, Emma Dante, Edoardo Winspeare. Ha avuto anche occasione di lavorare con grandi nomi quali Marco Bellocchio, Bernardo Bertolucci, Marco Tullio Giordana. Dal 2005 al 2015 Viviana Andriani è stata consulente per la selezione dei primi film francesi alla Settimana della Critica della Mostra di Venezia.

THIERRY DE COURCELLES ha cominciato la sua carriera nel cinema come responsabile dello sviluppo e degli acquisti della società Ocean Films. Ha contribuito al successo di numerosi film come, In the Mood for Love,  2046 (Wong Kar Way); Millennium Mambo (Hou Hsiao Hsien), The Eternity and one day (Theo Angelopoulos) che ha vinto la « Palme D’Or », Good bye Lenin (Wolfgang Becker), La Meglio Gioventù (Marco Tullio Giodana), Buongiorno Notte (Marco Bellocchio), The Return (Andrey Zvyagintsev), The Life of Others (Florian Henckel von Donnersmarck), e No man’s land (Danis Tanovic). Ha poi raggiunto TF1 dove ha saputo scoprire film di alta qualità allo stadio dello sviluppo con il pre-acquisto di progetti come Dallas Buyers Club di Jean-Marc Vallée e Carol di Tod Haynes. Da due anni è direttore degli acquisti per UGC e lavora su progetti promettenti come il prossimo di Terrence Mallick.

ILARIA GOMARASCA, dopo un master in letteratura all’Università Cattolica di Milano ha effettuato sei mesi di ricerca sui nuovi media al Dipartimento Arti Grafiche del Louvre. Nel 2009 ha cominciato la carriera nel cinema a Parigi nella società di vendite internazionali Wide, in qualità di responsabile festival. Nel 2013 raggiunge Pyramide International come responsabile festival e mercati. Si occupa della relazione con gli artisti e della promozione del catalogo con i direttori dei festival, le cineteche e le istituzioni all’estero. Nel 2019 entra a far parte del team del First Cut Lab come responsabile di First Cut +, un nuovo programma che promuove un portfolio di 16 film di finzione in post-produzione.

PAMELA PIANEZZA è giornalista, scrittrice, fotografa e programmatrice di festival. Come giornalista ha lavorato per Variety, Dazed and confused, Cine +, Canal +, Arte. È editrice della rivista culturale quotidiana Tess. Inoltre è presentatrice dei Golden Globes per Canal+. Per un lungo periodo ha lavorato come programmatrice alla “Semaine de la Critique” . del Festival di Cannes ed è responsabile del dipartimento di corto-metraggi del Festival di Friburgo. Insegna critica cinematografica e arti visive.

NADIA TURINCEV è nata nel 1970 a Mosca (URSS) ed è cresciuta a Parigi. A 12 anni, si innamora di Andrei Konshalovsky e comincia a guardare molti film. A 16 anni inizia con un praticantato nel film Gli Occhi Neri di Nikita Mikhalkov, preparando panini per Marcello Mastroianni. Poi lavora come traduttrice su altri set cinematografici. In seguito lavora per ACE – Ateliers du Cinéma Européen, Europa Cinemas, The European Producers Club e il programma Media. Inoltre ha fatto parte del comitato selettivo della “Quinzaine des réalisateurs” del Festival di Cannes ed è stata direttrice artistica del Festival di Mosca. Nel 2007, crea con Julie Gayet la società di produzione “Rouge International”. “L’universo comincia spingendo le pareti della propria cucina” questa il loro motto . Lavorano molto ma si divertono altrettanto.